Ecco i vincitori del concorso Pixum sugli animali

Scritto da Giulia il . Pubblicato in Concorsi fotografici No Comments

Il concorso fotografico sul tema “Animali” si è concluso il 30/06/2015 e siete stati davvero in tanti a partecipare condividendo con noi le foto dei vostri amici pelosi! Scopriamo insieme chi si è aggiudicato il premio della giuria e il premio del pubblico!

 Premio della giuria – Foto di Maria Teresa

Premio giuria - Concorso Animali Pixum

 Premio del pubblico – Foto di Giovanna

Premio pubblico - Concorso animali Pixum

5 consigli per fotografare gli animali

Scritto da Giulia il . Pubblicato in Consigli & trucchi No Comments

Non solo i cani sono i migliori amici dell’uomo, anche altri animali conquistano i nostri cuori con la loro tenerezza. I nostri animali domestici ci accompagnano ogni giorno ed è come se fossero parte della famiglia. È chiaro quindi, che come vogliamo avere delle belle foto dei nostri familiari, vogliamo averle anche dei nostri animali. Oggi vi presentiamo 5 consigli che renderanno speciali le foto dei vostri animali domestici.

Creare un bello scenario

hintergrund_hase_tierfotos_pixum-300x200

Foto di Benson Kua

È importante che il vostro modello si senta a proprio agio e per questo è consigliabile trovarsi in un luogo che il vostro amico conosce. Badate a non scegliere una location in cui venga troppo distratto. Per animali un po’ più grandi, come ad esempio alcuni cani, si prestano bene vasti prati verdi spiagge. In alcuni casi può bastare anche la coperta preferita. Animali piccoli, che vivono in gabbia, possono essere liberati per l’occasione, specialmente se si vuole fare loro delle foto all’aperto. Fate attenzione però che non vi scappi!  Anche con la paglia della gabbia si possono creare begli sfondi, tuttavia le foto senza gabbia sono ancor più belle.

L’interazione crea emozioni

1-interaktion_hunde_tierfoto_pixum_cc

Foto di Josh Dubya

Una foto risulta più interessante se il vostro amico non è solo nell’immagine. Insieme ad altri animali possono nascere delle belle situazioni – naturalmente è bene prima accertarsi che essi vadano d’accordo. Una foto diventa un ricordo fotografico bello il doppio, quando insieme all’animale domestico viene chiamato in causa  anche un familiare. Mentre essere umani e animali giocano insieme, si possono scattare le foto più belle e naturali. Bisogna soltanto cogliere l’attimo giusto per lo scatto.

 

Piccoli extra raccontano una storia

Kleine Extras erzählen einen Geschichte zum Tier

Foto di Flickr-User xerayou

Anche se il vostro animale è solo nella foto, potrete comunque creare una trama, ad esempio facendolo giocare con il suo giocattolo preferito oppure concedendogli un gustoso snack. Da evitare invece è il guinzaglio: l’immagine sarà molto più naturale se il vostro cane sarà sciolto. Tenete conto che in alcuni luoghi potrebbe però non essere possibile oppure permesso. Per animali piccoli è molto interessante usare degli optional originali. Un criceto in una tazza oppure in una ciotola è per esempio una scena dolcissima.

 

 

 

 

Immortalare il movimento

bewegung_hund_tierfotos_pixum

Foto di Maja Dumat

Spesso è difficile far capire all’animale che deve stare fermo. Tuttavia, poiché il movimento dà vita all’immagine è meglio prenderla come viene e trarne il meglio. Potete comunque influenzare la direzione ed il tipo di movimento animando il vostro animale con del cibo o lanciando il famoso ramicello. Il moto aggiunge ulteriore dinamica alla vostra foto. Per questo tipo di foto quasi tutte le macchine fotografiche hanno una funzione apposta, la modalità “motion” oppure “sport”. La chiave per un’immagine nitida è un breve tempo di esposizione.

 

 

 

I primi piani accentuano i particolari

katze-detail-punkt-foto-tipp-pixum-300x200

Foto di Wendy

Ogni animale ha le sue peculiarità: il vostro non è semplicemente un cane, un gatto oppure un coniglio – è il vostro animale ed è unico per i dettagli che lo rendono inconfondibile. Con dei primi piani potrete enfatizzare appunto questi dettagli: le macchie sul naso o la marmorizzazione sulle zampe possono contribuire a delle foto bellissime. Ancor più interessante si rende il tutto, sperimentando con l’apertura del diaframma e la messa a fuoco, per esaltare il dettaglio preferito. Chi non è pratico, può sperimentare con la modalità “macro” della sua camera fotografica.

 

 

 

Cosa fare della foto?

leinwand-hund-katze-haustier-fotos-tipps-pixum-1024x714

Valorizzate al meglio la foto del vostro amico animale appendendola al muro! Sulla Foto Opera la vostra immagine preferita sarà doppiamente protetta: l’alluminio offre un robusto supporto, mentre il metacrilato protegge l’immagine, aggiungendo ulteriore profondità di campo alla foto. Se invece siete indecisi su quale foto sia la migliore, potrete optare per un calendario in modo da avere ogni mese una foto diversa da ammirare. Oppure, perché non ordinare direttamente un Fotolibro Pixum con le foto meglio riuscite? Le foto dei vostri animali possono anche diventare bellissimi regali. Puzzle di animali sono molto amati e saranno dei regali ancora più personali se l’animale è proprio il vostro. In assortimento trovate anche piccoli extra. Con degli adesivi potrete abbellire le vostre cartoline o buste e fare in modo che i vostri animali domestici facciano felici anche gli altri vostri amici e parenti.

 

5 consigli per foto di primavera perfette

Scritto da Giulia il . Pubblicato in Consigli & trucchi No Comments

Consigli per Foto di primavera

frühling-fotografie-zweig-300x200Sentite già il profumo nell’aria? Si tratta della primavera! Finalmente il sole splende più a lungo e ci riscalda dal freddo invernale. Anche i fiori e gli uccellini se ne accorgono: tutta la natura è in movimento. È il momento  perfetto per uscire di casa e scattar belle fotografie – i motivi già vi aspettano! Per far sì che la primavera trovi la sua migliore espressione sulle vostre foto, abbiamo 5 consigli pratici per voi.

 

 

Tenere d’occhio il calendariomotive-online-suchen-300x200

Per alcune foto bisogna cogliere l’attimo. Molte volte gli amanti di fotografia fanno parecchia strada per ottenere la foto perfetta e arrivano tardi o troppo in anticipo. Molto amati sono i fiori di ciliegio, che però appassiscono dopo soli 10 giorni. Per non perdere tali occasioni, è consigliabile munirsi di un piccolo calendario apposta per scopi fotografici.

 

Ispirarsi online
Per sfruttare al massimo le vostre gite fotografiche, potete informarvi online prima della vostra escursione.  Dove andare? Oppure: Quali soggetti troverò sul posto. Online si trovano anche molti consigli pratici per determinati scatti. In questo modo sarete ben preparati e non perderete tempo, specialmente se la gita non è di lunga durata.

 

ziel-setzen-kamera-frühling-fotografie-300x200
Avere un obiettivo preciso
Quando si esce all’aperto, è consigliabile avere la macchina fotografica sempre a portata di mano per scatti spontanei. Tuttavia può essere di aiuto avere già un obiettivo definito, come ad esempio alberi, fiori o animali, in modo che l’immensa varietà di temi non vi distragga troppo. Avendo già un obbiettivo ben definito, sarà anche più facile decidere quale attrezzatura portarsi dietro, senza dover girovagare in mezzo alla natura attrezzati a dismisura. Vi assicuriamo che le occasioni per scatti spontanei non mancheranno comunque, quindi tenete gli occhi bene aperti!

 

blau-stunde-frühling-fotografie-wasser-300x199Occhio all’orologio! – L’ora blu e l’ora d’oro
Ogni amante della fotografia probabilmente già lo saprà: per una foto perfetta ci vuole la luce perfetta. Il sole è quindi un fattore decisivo. La luce migliore è quella del mattino e quella della sera, quando la luce taglia di lato e  le ombre sono lunghe. Quando il sole non splende direttamente dall’alto, la luce è calda e quindi più dolce. Per questo è consigliabile informarsi sugli orari dell’alba e del tramonto. L’ora blu e l’ora d’oro sono dei termini fotografici. L’ora d’oro viene anche chiamata l’ora magica. L’atmosfera incantevole che domina su foto scattate in questa particolare ora, giustifica questo termine. Ora d’oro vengono chiamate l’ora subito dopo l’alba e quella prima del tramonto – la prima e l’ultima luce del giorno. L’ora blu invece, è il tempo di transizione tra il buio e il chiaro durante l’alba come anche la fase di oscuramento durante il tramonto ed è molto breve.

 

blume-makro-perspektive-frühling-fotografie-300x200Giocare con l’angolazione
Una volta trovato l’oggetto da fotografare, non è ancora scattata la foto perfetta. Molte foto vengono scattate dall’angolo visivo dell’osservatore. Invece è molto più interessante cambiare angolazione. La foto di un fiore è molto più avvincente, se il fotografo si distende al suolo, sperimentando tra diverse angolazioni. Fotografando dal basso verso l’alto potrete ad esempio usare il cielo come sfondo. Oppure, fotografando direttamente a picco con la messa a fuoco sul fiore e con apertura del diaframma piccola, otterrete un bellissimo effetto “Bokeh” sull’erba circostante.

 

pixum-forex-wandbild-300x205
pfb_08.02.13_2191-1024x962
Presentare i risultati in un Fotolibro o come Foto Opera
Con questi preparativi possono essere realizzate delle bellissime foto che meritano un posto speciale nella vostra collezione, ad esempio in un Fotolibro. Il Fotolibro Pixum è disponibile in vari formati e con tipi di carta e copertine diverse a partire da soli 7,95 Euro. Se volete presentare il vostro pezzo forte, si adegua perfettamente una stampa di grande formato per portare una brezza di primavera in casa vostra. A questo scopo potrete scegliere tra stampa su tela, su forex, alluminio, metacrilato oppure un’elegantissima Foto Opera.

Islanda – Storia di un viaggio iniziato dal … web

Scritto da Giulia il . Pubblicato in SummerZoom 2014 No Comments

Foto Islanda 1Vorrei poter raccontare tutto di quei 10 giorni, momento dopo momento, ma non è mia intenzione farlo ora. Preferirei scrivere della mia esperienza, affinché sia di aiuto a tutti coloro che pensano di intraprendere un viaggio simile.

Parlare di un viaggio come quello in Islanda, per me significa prima di tutto chiudere gli occhi e riprovare tutte quelle emozioni iniziate già diversi mesi prima della partenza. Potrà sembrare scontato, quasi banale, ma proprio in quel periodo si pongono le basi per la riuscita di un viaggio; e quelle basi poi assumono un’importanza molto più forte quando si parla di un viaggio fotografico.

L’Islanda come lo è stato all’inizio per me, può sembrare una località come tante altre, ma quel susseguirsi di paesaggi così diversi tra loro, dove per passare dal sole al diluvio bastano una manciata di secondi e dove albe e tramonti sembrano infiniti, ne fanno una terra magica.

Non avrei mai immaginato cosa significasse scattare in queste condizioni.Foto Islanda

Anche una “banale” cascata (e vi assicuro che ce ne sono per tutte le misure), con tutto quel vapore, richiede un minimo di preparazione, tanta pazienza e… un buon panno per asciugare le lenti!

Se fotografate mentre il vento spira verso la macchinetta, butterete lo scatto per via delle gocce presenti nella lente.

Bisogna trovare un’inquadratura più favorevole, sperare che questo cambi almeno per un attimo direzione, oppure cercare di scattare nel breve tempo che passa tra una raffica e l’altra (foto sopra).

L’attesa sotto la pioggia ed il vento, può essere molto lunga. Considerate quindi una buona copertura per fotografo e fotocamera; si perché l’abbigliamento della macchinetta va sempre di pari passo a quello di chi sta scattando.

In Islanda inoltre il sole basso all’orizzonte e la neve dei ghiacciai richiederanno una compensazione della differenza di luminosità tra cielo e terra.

Foto IslandaConsiderate quindi l’acquisto di un buon sistema di filtri graduati (a lastra preferibilmente), sarà di enorme aiuto.

Vi aiuteranno ad abbassare la quantità di luce di una zona specifica della scena, evitando di dover scattare due pose da unire poi in pp (post produzione).

Non dimenticate ovviamente una scorta di batterie, un carica batterie da auto e le schede di memoria.

Era la prima volta che utilizzavo quell’attrezzatura ed ammetto che i primi due giorni, in quelle condizioni, sono stati davvero molto difficili.

Poi però l’attesa del momento giusto e la ricerca del posto migliore si sono trasformate nelle mie migliori “amiche”.

 

Foto IslandaMi definisco un fotografo amatoriale. Lo scatto che faccio con la macchinetta è sempre il secondo; l’onore del primo, infatti, lo lascio sempre agli occhi, perché sono loro che scelgono cosa può o meno far parte della foto.

La cosa che più conta per me è che rivedendo una foto, io possa rivivere le stesse emozioni di quando le ho scattate.

Per questo cerco sempre di includere in una foto linee guida, cornici, contrasti o motivi particolari che hanno attirato la mia attenzione al momento dello scatto.

Se come me siete ai primi viaggi fotografici, preparatevi bene sulla destinazione, sul clima, sugli usi e sui costumi.

Studiate bene anche le foto fatte da altri per capire le ore migliori per scattare, i punti di vista da considerare, i soggetti e perché no, anche le tecniche usate.

Foto Islanda

 

Un mio amico, fotografo per professione, un giorno parlando mi disse:

“Il primo passo per iniziare a fare belle fotografie, è quello di cercare di rifare una foto di cui ti sei innamorato prima; solo quando capirai come è stata scattata, saprai aggiungere del tuo per rendere quella foto unica…”

Non dimenticate quindi che una volta a casa, starà al cuore giudicare una fotografia.

Chi osservando una foto, saprà solo cercare gli effetti della post produzione, solo per il gusto di fare una critica, non immaginerà mai quale fosse stato il vostro primo scatto, quello fatto con gli occhi!

 

Questo è un brevissimo racconto della mia esperienza. Non mi sono volutamente spinto in discorsi tecnici, perché non ritengo di essere ancora all’altezza di esprimermi a riguardo.

Spesso però, cercando informazioni prima di un viaggio, ho visto focalizzare l’attenzione su fattori prettamente tecnici, per ritrovarmi poi in situazioni dove il limite non era tanto rappresentato dal diaframma o dai tempi, quanto dalla mia scarsa preparazione per scattare certe condizioni.

La preparazione vostra e dell’attrezzatura quindi devono essere la base per un viaggio fotografico. Bisogna tenerne conto se poi ci si vuole dedicare alla fase più tecnica dello scatto.

Foto IslandaSimone Zafrani

Portfolio –  simonezafrani.500px.com

SummerZoom 2014 – I vincitori

Scritto da Giulia il . Pubblicato in SummerZoom 2014 1 Comment

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato a SummerZoom 2014!

Dopo tanta attesa ecco a voi i nomi dei vincitori!

Primo Premio: foto dell’Islanda di Simone Zafrani

Secondo Premio: foto di Trani di Paolo Mannino

Terzo premio: foto del Brasile di Carlo Poiani

 

Contatto

E-mail service@pixum.com
Fax +49 (0)2236 886-699

Indirizzo:
Diginet GmbH & Co. KG
Industriestr. 161
50999 Colonia
Germania